Regolamento OO. CC.

Visualizza il testo con caratteri grandi Visualizza il testo con caratteri medi Visualizza il testo con caratteri medi

oogg

INTRODUZIONE

Il Consiglio d’Istituto è definito e regolato dal punto di vista legislativo dal Testo Unico delle disposizioni riguardanti la scuola al momento vigenti, approvato con Decreto Legislativo 297/1994 (che riporta quelle dei “vecchi “ Decreti Delegati del 1974); altre norme sono contenute nel Regolamento relativo alla gestione amministrativo – contabile delle istituzioni scolastiche (Decreto Interministeriale n. 44/2001), nell’Ordinanza Ministeriale n. 215/1991, sulle elezioni degli Organi Collegiali e in altre norme riguardanti il loro funzionamento.
In un prossimo futuro interverrà certamente una revisione delle norme suddette, in particolare per quanto riguarda la struttura e il funzionamento del Consiglio d’Istituto, allo scopo di integrarle e di coordinarle con quelle relative all’autonomia scolastica (D.P.R. 275/1999) e alla Dirigenza scolastica (Decreto Legislativo 165/2001). Infatti, appare necessario evitare conflitti di competenze e, al contrario, armonizzare le funzioni del Dirigente Scolastico – quelle di “garante primario” e quindi di responsabile della gestione della scuola e dei risultati ottenuti – con quelle degli Organi Collegiali a livello d’Istituto (in particolare del Consiglio d’Istituto e del Collegio dei docenti); tra l’altro, ora è disposto (v. art. 14 del DPR 275/1999, cioeÌ€ del Regolamento dell’autonomia scolastica) che il Dirigente Scolastico esercita le proprie funzioni “nel rispetto delle competenze degli organi collegiali”.
La questione dovrà essere risolta a livello legislativo, in quanto oggi il Dirigente Scolastico ha competenza “attiva” in materia di “amministrazione e gestione del bilancio e dei beni, definizione e stipula dei contratti di prestazioni d’opera”; ma, d’altra parte, sono riconosciuti al Consiglio d’Istituto dei poteri “in merito all’impiego dei mezzi finanziari” (v. Regolamento di contabilità, D.I. 44/2001, sopra citato).
Al momento, si ritiene che spettino al Consiglio d’Istituto (il quale è da considerare un piccolo consiglio di amministrazione) prevalenti poteri di “indirizzo” e al Dirigente Scolastico prevalenti poteri di “gestione”. Appare comunque necessaria la ricerca di un’intesa reciproca e di coesione per assicurare la migliore sinergia ed un corretto coordinamento tra i vari Organi istituzionali (Dirigente Scolastico, Consiglio d’Istituto, Collegio dei docenti) e quindi il conseguimento di risultati positivi, nell’interesse prioritario degli studenti e della loro formazione.
Il Consiglio d’Istituto trae la sua forza dalla collegialità: si ritiene, infatti, che un collegio di persone possa – meglio del singolo – valutare e garantire l’interesse pubblico, condurre la propria azione seguendo i criteri della legalità e dell’imparzialità, assicurare un confronto costruttivo ed anche un controllo reciproco; infine, l’impegno di lavoro del Consiglio è sollecitato e favorito da interessi “vicini”, quelli dei genitori per i figli, dei docenti per il migliore profitto degli studenti, del Dirigente Scolastico per il buon andamento dell’Istituto. STRUTTURA E FUNZIONI DEL CONSIGLIO D’ISTITUTO
Struttura: nella scuola secondaria superiore il Consiglio d’Istituto – con una popolazione scolastica superiore a 500 alunni – è costituito da 19 componenti, di cui 8 rappresentanti del personale docente, 2 rappresentanti del personale ATA (amministrativo, tecnico, ausiliario), 4 dei genitori, 4 degli alunni, il dirigente scolastico. Il Consiglio d’Istituto è presieduto da uno dei suoi membri, eletto tra i rappresentanti dei genitori degli alunni. Ma nel Consiglio medesimo tutti i membri hanno uguali poteri e si trovano su un piano di eguaglianza giuridica e al di fuori di ogni rapporto gerarchico.

La Giunta esecutiva del Consiglio d’Istituto è composta da un docente, da un non docente (personale ATA), da un genitore, da uno studente, dal Dirigente Scolastico (che la presiede) e dal DSGA (Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi). Principali compiti e funzioni.

Il Consiglio d’Istituto:

elabora e adotta gli indirizzi generali per la gestione della scuola; delibera il programma finanziario annuale (già bilancio preventivo, valido dal 1° gennaio al 31 dicembre) e il conto consuntivo; stabilisce come impiegare i mezzi finanziari per il funzionamento amministrativo e didattico; tra l’altro, decide sulle iniziative (di norma proposte dal collegio dei docenti) relative agli acquisti, al rinnovo e alla conservazione dei beni necessari alla vita della scuola; determina, inoltre, le forme di eventuale autofinanziamento di essa fatte salve le competenze del collegio dei docenti e dei consigli di classe, ha potere deliberante sull’organizzazione e sulla programmazione della vita e dell’attività della scuola, nei limiti delle disponibilitaÌ€ di bilancio, per quanto riguarda i compiti e le funzioni che l’autonomia scolastica attribuisce alle singole scuole;

adotta il Piano dell’offerta formativa elaborato dal Collegio dei docenti; cura e controlla che il Programma finanziario annuale sia coerente con il suddetto Piano (POF); inoltre, decide in merito alla partecipazione dell’Istituto ad attività culturali e sportive; elabora e adotta il regolamento interno dell’Istituto, nonché il regolamento del Consiglio stesso;

indica i criteri generali relativi alla formazione delle classi, all’assegnazione dei docenti alle classi e al coordinamento organizzativo dei consigli di classe, all’espletamento dei servizi amministrativi (ferme restando le competenze attribuite in materia al Dirigente Scolastico e al Direttore dei servizi generali e amministrativi o DSGA, già “segretario” dell’Istituto); esprime parere sull’andamento generale, didattico e amministrativo dell’Istituto.
La Giunta esecutiva prepara i lavori del Consiglio d’Istituto, fermo restando il diritto di iniziativa del consiglio stesso, e cura l’esecuzione delle relative delibere. Ha il compito di predisporre e di proporre al Consiglio il programma finanziario dell’Istituzione scolastica – entro il 31 ottobre (art. 2 D.I. 44/2001) – per l’anno finanziario successivo (1°gennaio – 31 dicembre), accompagnato da una apposita relazione e dal parere di regolarità contabile del collegio dei revisori.

Nella relazione sono illustrati gli obiettivi da realizzare e l’utilizzazione delle risorse, in coerenza con le indicazioni e le previsioni del Piano dell’offerta formativa, nonché i risultati della gestione in corso e quelli del precedente esercizio finanziario. Il Consiglio d’Istituto dovrà deliberare il programma finanziario e la relazione entro il 15 dicembre (precedente l’anno di riferimento). Ma talvolta non eÌ€ possibile rispettare tali scadenze per mancanza di dati contabili e quindi per l’incertezza delle previsioni.

FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO D’ISTITUTO

Art. 1 – Convocazione del Consiglio. Salvo che per la seduta d’insediamento, la convocazione del Consiglio spetta esclusivamente al Presidente del Consiglio o eventualmente ad altro membro del Consiglio da lui delegato.
Il Consiglio è convocato dal Presidente ogni qualvolta egli lo ritenga necessario o anche opportuno durante l’anno scolastico (quest’ultimo va dal 1° settembre al 31 agosto dell’anno successivo). Il Presidente ha l’obbligo di convocarlo anche quando ciò venga richiesto da un terzo dei consiglieri: la richiesta di convocazione – sottoscritta dagli interessati – deve essere rivolta allo stesso Presidente e deve indicare gli argomenti di cui si chiede la trattazione. Il Consiglio può essere convocato anche in seduta straordinaria. Più precisamente, l’atto di convocazione:

deve essere emanato e sottoscritto dal Presidente (o da un suo delegato);

deve contenere l’ordine del giorno, con gli argomenti da trattare, indicati in modo preciso ma sintetico;

l’ordine del giorno (abbrev. o.d.g.) è formulato sentita la Giunta esecutiva, e può contenere anche argomenti eventualmente proposti da singoli componenti della Giunta stessa o del Consiglio;

deve indicare il giorno, l’ora e il luogo della riunione; quest’ultimo, di norma, è la sede centrale dell’Istituto;

deve essere fatto recapitare – a cura dell’ufficio di Segreteria – a tutti i componenti del Consiglio

d’Istituto (ai genitori anche tramite i loro figli/studenti dell’Istituto) entro i cinque giorni precedenti la seduta ordinaria ed entro i due giorni precedenti un’ eventuale seduta straordinaria;

l’omessa comunicazione della convocazione, anche ad un solo membro del Consiglio, comporta la non validitaÌ€ della seduta e delle deliberazioni assunte; si ritiene pertanto necessario accertare l’avvenuta ricezione delle lettere di convocazione da parte dei singoli membri.

Art. 2 – L’ordine del giorno. Il Consiglio d’Istituto deve trattare gli argomenti secondo la successione con la quale sono stati iscritti all’o.d.g.; tuttavia, il Consiglio può decidere anche una diversa sequenza di trattazione. L’ordine del giorno è vincolante e quindi il Consiglio non può discutere e deliberare su argomenti non previsti nello stesso o.d.g., a meno che una richiesta in tal senso venga fatta all’inizio di seduta e il Consiglio, a maggioranza assoluta (metà più uno dei voti validi) dei componenti in carica aventi diritto (es. v. caso degli studenti minorenni per questioni finanziarie – art. 5), decida di trattare anche un nuovo argomento. In particolare, singoli consiglieri possono proporre nuovi argomenti da inserire nell’o.d.g., appunto all’inizio di seduta; il Consiglio deciderà se trattarli nella seduta in corso, ovvero se rimandarli alla seduta successiva o, al limite, di non trattarli affatto. Per discutere argomenti di particolare urgenza, che non siano all’o.d.g., è indispensabile la maggioranza assoluta dei voti validamente espressi per deliberare su di essi. L’ordine del giorno è predisposto dal Presidente, sentita la Giunta, la quale prepara i lavori del Consiglio. Quest’ultima, tra l’altro, può programmare anche la quota di tempo da destinare alla discussione di ciascun punto all’o.d.g. è comunque opportuno che nell’o.d.g. venga inserito un numero di argomenti che possano essere trattati entro i limiti di tempo di una seduta ordinaria, di norma della durata massima di tre ore.

Art. 3 – La seduta del Consiglio d’Istituto. La seduta è la riunione dei componenti del Consiglio, la quale si svolge – di norma – ininterrottamente nel giorno stabilito. In caso di prolungamento della seduta oltre l’orario previsto, il Presidente, sentito il Consiglio stesso, può sospenderla e rimandarla ad uno dei giorni seguenti, ma non oltre i sei giorni successivi.
La seduta è valida se è presente la metà più uno dei componenti in carica. Il quorum richiesto per la validità della seduta deve sussistere per tutta la durata della stessa. Ogni consigliere ha diritto di chiedere che si proceda alla verifica del numero legale. In mancanza di esso, il Presidente scioglie la seduta dopo avere accertato formalmente la mancanza del quorum richiesto; lo scioglimento formale (e quindi verbalizzato) deve essere operato anche nel caso in cui, ad inizio seduta, mancasse il numero legale.
La Giunta esecutiva o lo stesso Consiglio possono chiamare a partecipare alla seduta del Consiglio, a titolo consultivo, degli esperti che intervengano per chiarire un determinato argomento all’ordine del giorno; essi non possono, però, partecipare alla votazione, anzi saranno invitati ad allontanarsi al momento del voto. Lo stesso Consiglio, prima di deliberare su importanti questioni, può decidere di consultare altri organi collegiali della scuola e prendere in esame eventuali proposte formulate da regolari assemblee degli studenti e dei genitori o dal Comitato dei genitori.

Alle sedute del Consiglio d’Istituto possono assistere – senza facoltà di parlare – gli elettori delle componenti rappresentate nel Consiglio medesimo. Qualora la presenza del pubblico non consenta l’ordinato svolgimento dei lavori, la libertà di discussione e/o di deliberazione, il Presidente può sospendere la seduta e ordinare la sua prosecuzione “a porte chiuse”, invitando il pubblico ad allontanarsi.

Art. 4 – La discussione dell’ordine del giorno. Di norma, la seduta deve trattare soltanto le materie poste all’o.d.g., salvo i casi indicati nell’articolo 2. Le cosiddette “varie ed eventuali” possono essere discusse sinteticamente, ma su di esse non si può deliberare nella seduta in corso.
Ogni consigliere ha diritto di intervenire su singoli argomenti indicati nell’o.d.g. per non più di tre minuti e per un massimo di tre volte. Il Presidente, a sua discrezione, può concedere maggior tempo al consigliere che ne faccia richiesta, senza ridurre, però, il tempo di altri interventi.
I documenti che dovranno essere esaminati nella seduta devono essere allegati alla lettera di convocazione. In caso di difficoltà, devono comunque essere a disposizione dei consiglieri presso l’ufficio di Segreteria, almeno 24 ore prima della seduta, affinché possano essere letti ed esaminati precedentemente alla riunione. Se – nel corso della seduta – vengono presentate proposte di delibera, mozioni o risoluzioni su un argomento iscritto all’o.d.g., il Presidente può sospendere la seduta per consentire l’esame delle proposte presentate; è tenuto a sospenderla comunque se la richiesta è avanzata da almeno un terzo dei presenti.

Art. 5 – La votazione. Terminata la discussione (su ogni singolo punto all’ordine del giorno), il Presidente dichiara aperta la votazione.
Subito prima della votazione, possono aver luogo le dichiarazioni di voto, con le quali i consiglieri hanno facoltà di esporre brevemente – massimo tre minuti – i motivi per cui voteranno a favore o contro la proposta o quelli per i quali si asterranno.

La votazione può avvenire:

1. per alzata di mano;

2. per appello nominale, con registrazione dei nomi dei singoli consiglieri e del rispettivo voto;

3. per scheda segreta: quest’ultima modalità di voto è obbligatoria quando si faccia questione di persone; il Presidente nominerà due scrutatori perché lo aiutino nelle operazioni di voto. Ogni
consigliere ha diritto di chiedere la votazione per appello nominale, con registrazione dei nomi.
Le deliberazioni sono adottate a maggioranza assoluta dei voti validamente espressi (50% più uno – v. art. 37, comma 2, del T.U., D. L.vo 297/1994), salvo che disposizioni speciali prevedano diversamente. I voti degli astenuti, pur concorrendo alla formazione del numero legale, non sono presi in considerazione per la maggioranza richiesta per la deliberazione (gli astenuti vanno equiparati ai voti eventualmente nulli, quindi non validi); ovviamente, anche dei consiglieri che si allontanassero temporaneamente al momento della votazione non si tiene conto, pur se la loro temporanea assenza non incide sulla consistenza del numero legale (chiamato anche “quorum costitutivo”). In caso di parità, prevale il voto
del Presidente.
I consiglieri della rappresentanza degli studenti che non abbiano raggiunto la maggiore età non possono votare per delibere che riguardino questioni finanziarie, comprese le spese per l’acquisto di attrezzature e di materiale didattico e di libri.


Art. 6 – La deliberazione. Il testo della delibera (quello verbalizzato) è costituito da una premessa e dalla parte “precettiva” del provvedimento. La premessa deve contenere l’intestazione (“Il Consiglio d’Istituto del Liceo....”), una sintetica presentazione della questione, il numero dei votanti, quello dei voti validi, dei voti a favore e di quelli contrari e astenuti, un richiamo alle norme (es. sulla competenza del Consiglio circa l’oggetto della delibera), ad eventuali pareri, proposte e richieste; la parte precettiva o “dispositivo” della delibera deve specificare chiaramente il provvedimento approvato e può indicare anche tempi e modi di attuazione. La delibera deve essere sottoscritta dal Presidente e dal segretario del Consiglio d’Istituto. Le delibere vanno pubblicate all’albo dell’Istituto (non l’intero verbale della seduta).
Le delibere del Consiglio sono atti amministrativi definitivi contro i quali è ammesso ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale della Sicilia (entro 60 giorni), In caso di ricorso , l’efficacia della delibera si intende sospesa fino al pronunciamento del T.A.R., salvo che il Consiglio decida a maggioranza di mantenere temporaneamente valida la delibera in questione.


Art. 7 – Il verbale. Di ogni seduta va redatto un processo verbale a cura del segretario del Consiglio: esso costituisce un atto giuridico che, in quanto tale, non puoÌ€ essere compilato da consiglieri minorenni; deve dare 5 conto esatto e obiettivo di quanto si è svolto nel corso della seduta; in esso vanno riportati tutti i dati significativi: data, ora e luogo della riunione, il nominativo di chi assume la presidenza e di chi svolge le funzioni di segretario, i nominativi dei presenti e degli assenti (questi ultimi se giustificati o no – si intendono giustificati coloro che hanno comunicato preventivamente l’assenza), l’avvenuta verifica del numero legale, il riassunto della discussione, i risultati delle votazioni effettuate, i testi delle delibere approvate; su richiesta di singoli consiglieri, devono essere trascritti i testi delle loro dichiarazioni, dettate o consegnate al segretario.

Il verbale va sottoscritto dal segretario e dal Presidente e depositato nell’Ufficio di segreteria dell’Istituto entro e non oltre 10 giorni dalla seduta e comunque prima di quella successiva.
Ciascun consigliere può prenderne visione e chiedere eventuali variazioni; le richieste di variazione sono redatte, se possibile, per iscritto.

Il verbale deve essere letto e approvato nella seduta successiva; le eventuali variazioni richieste, se approvate, modificano il testo del verbale oggetto di approvazione. In caso di urgenza, il verbale può essere letto e approvato al termine della seduta in cui si eÌ€ discusso e deliberato.

Art. 8 – Pubblicità degli atti. Sono pubblicate all’albo dell’Istituto scolastico le copie delle delibere del Consiglio e le lettere di convocazione di quest’ultimo (con l’ordine del giorno e la data e l’ora della convocazione). Non sono pubblicati all’albo i verbali delle sedute. La pubblicazione delle convocazioni e delle delibere sul sito web ufficiale della scuola equivale alla pubblicazione all’albo senza peraltro sostituirla. Tutti gli atti del Consiglio devono essere tenuti, a cura del Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi (DSGA), a disposizione dei membri del Consiglio. Questi possono richiederne la fotocopia.
Il personale scolastico (docente e ATA) e i rappresentanti dei genitori e degli studenti nei consigli di classe hanno diritto di prendere visione degli atti del Consiglio, ma non durante l’orario delle lezioni antimeridiane. Coloro che non rientrano nelle categorie di cui al comma precedente possono avere accesso agli atti del Consiglio ed averne copia solo se in possesso di un interesse giuridicamente rilevante da tutelare, ai sensi della Legge 241/1990 (la cosiddetta legge sulla trasparenza).
I consiglieri non possono consegnare atti del Consiglio a persone che, invece, non hanno diritto di accedere ad essi.

ELEZIONI INTERNE AL CONSIGLIO D’ISTITUTO ATTRIBUZIONI DEI COMPONENTI

Art. 9 - La prima seduta del Consiglio d’Istituto: essa è convocata dal Dirigente Scolastico entro 15 giorni dalla nomina degli eletti, per l’insediamento del Consiglio medesimo, per l’elezione del Presidente e della Giunta esecutiva del Consiglio e per eventuali decisioni urgenti da prendere.

Art. 10 – L’elezione del Presidente: il Presidente è eletto, con votazione segreta, tra i membri del Consiglio d’Istituto rappresentanti dei genitori.
All’elezione partecipano tutti i componenti del consiglio d’Istituto.
Il Presidente è eletto con la maggioranza assoluta dei componenti del Consiglio.
Qualora alla prima votazione non sia stata raggiunta la maggioranza assoluta, dalla seconda votazione in poi è sufficiente quella relativa dei votanti. In caso di parità di voti, la votazione deve essere ripetuta fino al raggiungimento della maggioranza dei voti a favore di uno dei membri rappresentanti dei genitori.

Art. 11 – L’elezione del Vice Presidente: il Consiglio può decidere di eleggere anche un Vice Presidente. In assenza del Presidente, il Vice Presidente assume tutte le attribuzioni previste per il Presidente stesso (v.art. 12).
Anche il Vice Presidente deve essere eletto con votazione segreta tra i membri del Consiglio rappresentanti dei genitori; per l’elezione si usano le stesse modalità previste per quella del Presidente (v. art. 10).
Qualora il Presidente cessasse dalla carica, si dovrà procedere a nuova elezione, in quanto il Vice Presidente non vi subentra di diritto.
In caso di mancata elezione di un Vice Presidente e di assenza del Presidente, le sue attribuzioni sono esercitate dal genitore consigliere più anziano (d’età).

Art. 12 – Le attribuzioni del Presidente

Tra il Presidente e i membri del Consiglio non intercorre alcun rapporto di gerarchia.

Il Presidente:

1. convoca e presiede il Consiglio d’Istituto; adotta tutti i provvedimenti necessari per un regolare e ordinato svolgimento dei lavori;

2. assume le iniziative necessarie per assicurare una gestione corretta e democratica dell’Istituto e la migliore realizzazione dei compiti del Consiglio;

3. affida le funzioni di Segretario del Consiglio ad uno dei membri del Consiglio stesso;

4. controlla e autentica con la propria firma i verbali delle sedute redatti dal Segretario del Consiglio in un apposito registro a pagine precedentemente numerate;

5. nelle sedute pubbliche dà opportuni avvertimenti per assicurare un sereno svolgimento di esse e può ordinare l’allontanamento dall’auditorio di chiunque sia causa di turbativa e di disordine.

Art. 13 – Il Segretario del Consiglio d’Istituto e le sue attribuzioni

La designazione del Segretario del Consiglio è di competenza specifica e personale del Presidente.
Questi, tenuto conto della periodicità delle sedute e della eventuale gravosità dell’incarico, può designare il Segretario per l’intera durata del Consiglio ovvero per periodi più brevi o addirittura per ogni singola seduta. Il Segretario del Consiglio redige il verbale della seduta e predispone i testi delle delibere per la loro pubblicazione ed esecuzione. Verbale e delibere sono sottoscritte, oltre che dal Segretario , anche dal Presidente.

Le altre incombenze amministrative del Consiglio, come la redazione e l’invio delle lettere di convocazione del Consiglio, la scrittura informatica o le copie delle deliberazioni, debbono essere svolte dal personale dell’ufficio di segreteria dell’Istituto.
Il Consiglio d’Istituto può stabilire un eventuale compenso per il Consigliere che assume le funzioni di Segretario del Consiglio.

Art. 14 – La Giunta Esecutiva e le sue attribuzioni

La designazione dei membri della Giunta (un docente, un genitore, un rappresentante del personale ATA, uno studente maggiorenne) avviene a maggioranza relativa dei voti. Della Giunta sono membri di diritto il DSGA e il Dirigente Scolastico, il quale ultimo la presiede.
La Giunta esecutiva (la quale si riunisce anche per preparare i lavori del Consiglio e quindi precedentemente alla riunione di esso) è convocata dal Dirigente Scolastico, con l’indicazione dell’ordine del giorno, della data, dell’ora e del luogo della seduta.

Più precisamente, la Giunta Esecutiva:

1. prepara i lavori del Consiglio d’Istituto, fermo restando il diritto d’iniziativa del Consiglio medesimo; 2. cura l’esecuzione delle delibere del Consiglio d’Istituto;

3. predispone il programma finanziario annuale;

4. adotta, su proposta del consiglio di classe, i provvedimenti disciplinari più gravi a carico degli studenti (quelli previsti dalle norme).
Gli atti della Giunta esecutiva sono consultabili esclusivamente dai membri del Consiglio d’Istituto.

Art. 15 – Durata e scioglimento del Consiglio d’Istituto

Il Consiglio dura in carica tre anni. La rappresentanza degli studenti è rinnovata annualmente.

Il Consiglio può essere sciolto dal Dirigente dall’Ufficio Scolastico Provinciale (ex Provveditorato agli Studi) in caso di persistenti e gravi irregolarità o di mancato funzionamento del Consiglio.

Art. 16 – Le elezioni suppletive
Nei seguenti casi si fa ricorso ad elezioni suppletive nel corso della normale durata del Consiglio:

per surrogare membri – cessati per qualsiasi motivo – nel caso di esaurimento della lista di provenienza (cioè se non ci fossero candidati votati e non eletti nella lista stessa);

nel caso in cui mancasse una o più componenti del Consiglio (es. componente personale ATA), la qual cosa comporterebbe una composizione anomala di esso;

nel caso di dimissioni di tutti i membri elettivi del Consiglio.

Le elezioni suppletive devono essere indette dal Dirigente Scolastico entro 15 giorni dall’accertamento formale della circostanza che le ha rese necessarie.


Allegati

Contatti

Contatore Visite