DSA

Visualizza il testo con caratteri grandi Visualizza il testo con caratteri medi Visualizza il testo con caratteri medi

dsa

Il termine “Disturbi Specifici dell’Apprendimento” (DSA) si usa per indicare disturbi specifici di apprendimento quali la dislessia, la disgrafia, la disortografia e la discalculia che si manifestano in presenza di capacità cognitive adeguate, in assenza di patologie neurologiche e di deficit sensoriali, ma possono costituire una limitazione importante per alcune attività della vita quotidiana

(dalla LEGGE 8 ottobre 2010 , n. 170  (Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010)

In ambito italiano si usa il termine Disturbi Evolutivi Specifici di Apprendimento (DSA) per indicare “fragilità” nei processi neuropsicologici sottesi a competenze basilari per l’apprendimento e per la vita quotidiana quali leggere, scrivere, far di conto.

Tali disturbi possono interferire anche su competenze di livello superiore come l’organizzazione mentale e il ragionamento astratto.

In termini diagnostici, i DSA non vanno confusi con le difficoltà di apprendimento generate da cause diverse: handicap, ritardo mentale, disturbi emotivi, svantaggi socio-culturali, demotivazione, ecc.

(Da: URS EMILIA ROMAGNA Note prot. 1425 del 3/02/2009 Roda-Casamenti-Iosa “Disturbi specifici di Apprendimento: successo scolastico e strategie didattiche. Suggerimenti operativi”)

 

Nonostante ciò, questi bambini sono intelligenti e di solito, vivaci e creativi.


Allegati

Non sono presenti allegati in questa pagina

Contatti

Contatore Visite